EVENTI IN EVIDENZA

images

Calendario degli appuntamenti: Parrocchiali (Parrocchie Colonnella-Mater Misericordiae), Zona Pastorale Flaminia, Diocesi  


LITURGIA DEL GIORNO/LITURGIA DELLE ORE:

Viene proposto il seguente sito:
La Chiesa.it

Novena nella Chiesa  della Colonnella davanti al quadro della Annunciazione

tutti giorni dal 16 al 25 marzo alle ore 20.00

Preghiera alla Annunciazione

Video del 16 marzo (1° giorno), della Novena  all’Annunciazione:
https://www.facebook.com/donconcetto.reveruzzi/videos/2814129478702434/
Video del 17 marzo (2° giorno), della Novena  all’Annunciazione:
https://www.facebook.com/donconcetto.reveruzzi/videos/2816346421814073/
Video del 18 marzo (3° giorno), della Novena  all’Annunciazione:
https://www.facebook.com/donconcetto.reveruzzi/videos/2818664851582230/
Video del 19 marzo (4° giorno), della Novena  all’Annunciazione:
https://www.facebook.com/donconcetto.reveruzzi/videos/2820891838026198/
Video del 21 marzo (4° giorno), della Novena  all’Annunciazione:
https://www.facebook.com/donconcetto.reveruzzi/videos/2826993610749354/

IMG-20200111-WA0002


Giorno 6 Gennaio 2020 ore 17.00 presso la Chiesa S.Maria Annunziata Colonnella concerto di Natale Semplicemente Vita (Offerta libera)

The Christmas Band

sanGaudenzo2019OK-1


Siamo tutti invitati alla festa Parrocchiale di Cristo Re

con le iniziative programmate dal 17 al 22 settembre:


PRESSO LA CHIESA DI S. AGOSTINO

Via Cairoli 41 –  RIMINI

XXI^ SETTIMANA BIBLICA DAL 23 AL 26 SETTEMBRE 2019

Immagine modificata

PER MAGGIORI DETTAGLI:  QUI


Dal 11 al 16 Luglio 2019

Solenne Festa della beata Vergine Maria del Carmine

presso la Chiesa di S. Giovanni Battista di Rimini

20190706_111800-1080x675

Leggi il manifesto con tutti gli eventi

 

Pellegrinaggio S.Cuore di Gesù in Urbino – 28 giugno 2019 – Colonnella e Mater

 

 

Pellegrinaggio Madonna della Corona e visita a Sirmione giorno 30 giugno 2019

Estrazione numeri della “sottoscrizione a premi” presso Mater Misericordiae


Festa Mater_A3 (1)

 

1 Volantino Loreto 2019-1


 


gg_pellegrinaggio_giovani2019

gg_campeggi_estivi

Iscrizioni presso propria parrocchia versando  € 50,00 di caparra


I Salmi e la vita


Pellegrinaggio Medjugorje 9-13_18 Unito


Pellegrinaggio S_Giovanni Rotondo


img331


La Penitenza

 

Pellegrinaggio Lourdes 24-30_9_18

merge_from_ofoct-1(Unito)

PER VEDERE LE FOTO DEL PELLEGRINAGGIO A ROCCAPORENA E CASCIA IL 30 GIUGNO 2018 CLICCARE:   QUI 

Rimini La Verna

 

 

 


 

APERICENA MATERNA COLO

 

img244

Gita a Santa Rita e Roccaporena 2018-1

Pellegrinaggio S-Cuore Gesu' Urbino 08_06_18

Festa Mater_A3-1

Pellegrinaggio Roma26_30 Giugno 18

 Pellegrinaggio Montegridolfo

Manifesto x settimana santa2018-1


PER  CONOSCERE GLI  ORARI  DELLE CELEBRAZIONI DELLA SETTIMANA SANTA 2018 PRESIEDUTE  DAL VESCOVO  MONS. FRANCESCO  LAMBIASI  IN  CATTEDRALE DI RIMINI CLICCARE: QUI


IMG-20180304-WA0001-1

L'immagine può contenere: sMS

PRESSO   PARROCCHIA  S.  MARIA  ANNUNZIATA 

ALLA  COLONNELLA

VOLANTINO A5 OK-1

Immagine polentata 2018

Volantino Cena Caritas 20_1 e 27_1_18

L'immagine può contenere: sMS

Orari Natale 2017-1


Concerto Fine Anno-1

Digitalizzato_20171029

Rosario Lodi e S. Messa presieduta da Don Concetto Reveruzzi il 2 Dicembre 2017 andata in onda su Radio-Maria ore 7.30

Cliccare QUI  poi —> Collegamenti di Preghiera —>Parrocchia S.Maria Annunziata – Rimini – 02/12/2017 – 07.30
Per consultare ed eventualmente scaricare il testo dell’Omelia di Don Concetto Reveruzzi del 2 Dicembre 2007 cliccare  QUI
Per ascoltare l’Omelia di Don Concetto del 2 Dicembre 2017 cliccare  QUI

Volantino Rosina A4 1-1

IL SUONO DELLA NOTTE a_5_1-1

 

 

LA PARROCCHIA COLO-MATER HA PROGRAMMATO IL SEGUENTE PELLEGRINAGGIO

2 Programma viaggio San Gabriele

ALCUNE FOTO RELATIVE AL SANTUARIO

DI   SAN GABRIELE DELL’ ADDOLORATA

santuario-san-gabriele-delladdolorata-810x536santuario-san-gabriele-delladdolorata1 santuario-san-gabriele-Santuario_San_Gabriele_dellAddolorata_Abruzzo_12 Santuario_San_Gabriele_dell'Addolorata_Abruzzo_03 DSC_0452santuario_1gimage (2)

 

 

 

 

 

 

 

image (1)

restauro-basilica-di-san-gabriele_1Santuario_San_Gabriele_dell'Addolorata_Abruzzo_10San-Gabriele-dellAddolorata-Santuario-1024x774

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



DOMENICA  1°  OTTOBRE  IL SANTO  PADRE PAPA FRANCESCO SARA’ IN VISITA PASTORALE  A BOLOGNA

La Diocesi di Rimini avvisa che esiste la possibilità di partecipare alla Celebrazione della S. Messa  con il Papa il 1° Ottobre  alle 17,00 allo stadio Dall’Ara  di Bologna con tutte  le diocesi della Regione,  ed ha provveduto per il trasporto con un pullman con partenza  alle ore 12.00 con  ritorno previsto in serata. Per coloro che desiderano partecipare, è necessario  iscriversi presso l’Agenzia “Ariminum” ; telefono per iscrizioni  0541-53956. Quota di partecipazione  Adulti € 25 Bambini 15. Per maggiori informazioni vedere il manifesto   qui di seguito:

Bologna 1 ottobre - Rimini-1

 

VENERDI’ 22 SETTEMBRE – Ore 20.45 presso la Sala Marvelli di Regina Pacis il “Gruppo Pastorale Sociale” di zona ha programmato una serata di riflessione sul tema “VITA REALE-VITA VIRTUALE”, aspetti positivi e negativi della rivoluzione digitale. Si raccomanda la massima partecipazione. Per ulteriori informazioni vedasi manifesto qui di seguito.

Zona Pastorale-1

Volantino Campeggi Monte Nerone Nocera Umbra

 

Mercoledì  2 Agosto 2017:  PERDONO DI ASSISI (Indulgenza  plenaria)

L’indulgenza e’ la remissione dinnanzi a Dio della pena temporale per i peccati, gia’ rimessi quanto alla colpa, remissione che il fedele, debitamente disposto e a determinate condizioni, acquista per intervento della Chiesa, la quale, come ministra della  redenzione, autoritativamente dispensa ed applica  il tesoro delle soddisfazioni  di Cristo e dei Santi. L’indulgenza e’ parziale o plenaria secondo che libera in parte o in tutto dalla pena temporale dovuta per i peccati. Le indulgenze possono essere applicate ai vivi o ai defunti.                    

                                          (Catechismo della Chiesa Cattolica n° 1471).

COME OTTENERE L’INDULGENZA PLENARIA DEL PERDONO DI ASSISI O DELLA PORZIUNCOLA

Dal mezzogiorno del primo agosto alla mezzanotte del giorno seguente (2 agosto), si può lucrare una volta sola l’indulgenza plenaria (Per sé o per i defunti).

CONDIZIONI RICHIESTE:

  1. Visita, entro il tempo prescritto, a una chiesa Cattedrale, Parrocchiale o Francescana o ad altra Chiesa che ne abbia l’indulto e recita del “Padre Nostro” (per riaffermare la propria dignità di figli di Dio, ricevuta nel Battesimo) e del “Credo” (con cui si rinnova la propria professione di fede).
  2. Confessione Sacramentale per essere in Grazia di Dio (entro 15 giorni precedenti o seguenti).
  3. Partecipazione alla Santa Messa e Comunione Eucaristica.
  4. Una preghiera secondo le intenzioni del Papa (almeno un “Padre Nostro” e un’ “Ave Maria” o altre preghiere a scelta), per riaffermare la propria appartenenza alla Chiesa, il cui fondamento e centro visibile di unità è il Romano Pontefice.
  5. Disposizione d’animo che escluda ogni affetto al peccato, anche veniale.

        Le condizioni di cui ai nn. 2, 3 e 4 possono essere adempiute anche nei giorni precedenti o seguenti quello in cui si visita la chiesa; tuttavia è conveniente che la Santa Comunione e la preghiera secondo le intenzioni del Papa siano fatte nello stesso giorno in cui si compie la visita.

 


 

 PELLEGRINAGGI 2017 

Dalle Parrocchie Colo-Mater sono stati programmati i seguenti Pellegrinaggi:

Loreto Martedì  30 Maggio 2017: QUI
Santuario S. Cuore Gesù Urbino 23 Giugno 2017: QUI
Fatima dal 7 al 10 Settembre 2017: QUI

CAMPEGGI 2017

Dalla “Zona Pastorale Flaminia” sono stati programmati i seguenti Campeggi:

Per ragazzi delle Elementari a Monte Nerone (PU) dal 25 Giugno al 2 Luglio: QUI   

Per ragazzi delle Medie a Nocera Umbra (PG) dal 31 Luglio al 6 Agosto: QUI


settimana_bvc_sangio_2017_per_sito-1

MESE DI MAGGIO 2017

Per conoscere gli orari e i luoghi ove viene recitato il Rosario, celebrate le “Messe di contrada” oppure la “Liturgia della Parola cliccare: QUI


Macerata Loreto 2017

Cliccare sull’immagine per ingrandirla

23  APRILE 2017   II^ DOMENICA DI PASQUA  DELLA DIVINA MISERICORDIA
img803
Volantino SETTIMANA SANTA 2017-1

 

PER CHI FOSSE INTERESSATO A CONOSCERE  GLI ORARI DELLE CELEBRAZIONI DELLA SETTIMANA SANTA 2017 PRESIEDUTE DAL VESCOVO FRANCESCO LAMBIASI PRESSO LA CATTEDRALE DI RIMINI CLICCARE:  QUI

img776


Volantini domenica palme 2017 - Copia-001

01 APRILE 2017   V^ DOMENICA DI QUARESIMA
Digitalizzato_20170401

26 MARZO 2017   IV^ DOMENICA DI QUARESIMA

PREGHIERA

Non temere, o Maria !

Dio  ti chiama
e noi ti preghiamo di dirgli il si della tua fede.
Non temere, o Maria !
E’ giunta l’ora attesa dall’inizio del mondo,
e’ giunta l’ora della misericordia:
Dio si rivolge a te, perché egli entra nel mondo soltanto attraverso il cuore che lo accoglie e liberamente lo ama.
O Maria,
non dire di no, perché troppi diciamo di no, non chiudere il cuore,
perché noi non abbiamo più cuore.
O Maria,
interrompi la catena dell’egoismo e della ribellione,
che noi abbiamo costruito.
O Maria,
tutti aspettiamo il tuo “si”:
e Dio, Dio stesso aspetta con noi.
Eccomi sono la serva del Signore,
avvenga di me quello che hai detto.
Grazie, o Maria!
La Divina Carità
è passata attraverso il tuo cuore.
Tu hai tenuto l’Aurora nelle tue mani.
E’ in te che si è formata la speranza.
O Maria,
in principio Dio Disse: Sia la luce!
E la luce fu.
E anche tu,
tu hai detto un giorno: Che sia così!
E noi viviamo della Luce nata dal tuo consenso.
O Madre nostra,
in questo mondo che dimentica l’amore,
permetti a noi tuoi figli, qui raccolti,
di dirti nella riconoscenza e nell’umiltà,
la più dolce delle preghiere:
quella che abbiamo appreso dall’angelo
e che vorremmo che non avesse mai fine:
Ave, o Maria!
Ave, o Maria!
Il Signore è con te!  Il Signore viene con te!
(Andrè Frossard)

19  MARZO 2017   III^ DOMENICA DI QUARESIMA

Preghiere a Dio Padre
Padre, dammi Gesù Padre,
dammi il dono più bello, più grande,
più prezioso che possiedi, Gesù.
Quando sono ammalato, dammi Gesù, perché egli è la Salute.
Quando mi sento triste, dammi Gesù, perché egli è la Gioia.
Quando mi sento debole, dammi Gesù, perché egli è la Forza.
Quando mi sento solo, dammi Gesù, perché egli è l’Amico.
Quando mi sento legato, dammi Gesù, perché egli è la Libertà.
Quando mi sento scoraggiato, dammi Gesù, perché egli è la Vittoria.
Quando mi sento nelle tenebre, dammi Gesù, perché egli è la Luce.
Quando mi sento peccatore, dammi Gesù, perché egli è il Salvatore.
Quando ho bisogno d’amore, dammi Gesù, perché egli è l’Amore.
Quando ho bisogno di pane, dammi Gesù, perché egli è il Pane di vita.
Quando ho bisogno di denaro, dammi Gesù, perché egli è la Ricchezza infinita.
Padre, a qualsiasi mia richiesta,
per qualsiasi mio bisogno,
rispondi con una sola parola,
la tua parola eterna : Gesù!

             Don Serafino Falvo

12  MARZO 2017   II^ DOMENICA DI QUARESIMA

PREGHIERA

Avrei voluto esserci anch’io, quel giorno, sul monte della trasfigurazione, assieme a Pietro, Giacomo e Giovanni, i tre fortunati, gli stessi a cui tuo Figlio chiederà di condividere da vicino l’ angoscia del Getsemani.

Avrei voluto contemplare il volto di Gesù trasfigurato dalla tua bellezza e dal tuo amore, avrei voluto constatare di persona quanto sia forte e splendida la tua luce, più potente di qualsiasi mia oscurità.
Avrei voluto vedere accanto a Gesù Mosè il condottiero ed Elia il profeta e riconoscere il tempo del compimento, l’ora della liberazione e della piena manifestazione del tuo amore.
Avrei voluto intendere, almeno per una volta, la tua voce dal cielo, la tua voce che rincuora la mia fede traballante, la tua voce che rivela l’ identità di Gesù ed invita ad ascoltarlo e a seguirlo. Ma dopo tutto non credo che nei giorni della Passione avrei fatto una figura migliore di quella degli apostoli.
Davanti al tuo silenzio guardando il volto di Gesù sfigurato dal dolore e dai patimenti, sarei stato in grado di riconoscere le strade del tuo amore?
(Roberto Laurita)

05  MARZO 2017   I^ DOMENICA DI QUARESIMA

PREGHIERA

Sabbia e sterpi
Montagne scheletriche e morte.
Luce accecante e silenzio assoluto.
Uno spazio senza confini.
Dune che il vento costruisce e distrugge.
Questo deserto che hai vissuto, Signore,
per quaranta giorni.
Anche la mia città, Signore,
è un deserto.
Tra le sue  tante case mi sento solo,
senza amici che mi accolgono,
senza speranze che mi sorridono,
in balia del vento dell’opinione e del provvisorio,
schiaffato dalla sabbia
della violenza e del nauseante,
dell’indifferenza e della diffidenza.
Ed è questo deserto peccaminoso
che, con la tua Grazia, devo trasformare in giardino,
ove ogni fratello possa danzare
la lieta canzone della libertà e della fraternità.
Ma c’è anche un deserto, diverso dal precedente, che devo costruire dentro di me riducendo all’essenziale tutte le cose che fino ad ora ho creduto indispensabili,
creandomi spazi di silenzio
ove è possibile ascoltare la sinfonia del cuore e posso sentire la tua parola, con attenzione e senza distrazioni,
che mi chiama alla conversazione del cuore,
alla preghiera più profonda, alla testimonianza più luminosa.
Amen

26  FEBBRAIO 2017   VIII^  DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

PREGHIERA

Signore Gesù,  siamo esperti, nel tenere i piedi in due staffe, nel lasciare costantemente aperta una via di fuga, un’uscita di sicurezza, nel nome della nostra saggezza, perché, come dicono tutti,  “non si sa mai cosa può accadere”. Tu chiami per nome tante ansie e affanni inutili che hanno una unica sorgente: la nostra incredulità, il nostro bisogno spasmodico di circondarci di molti beni, per nascondere il vuoto che ci portiamo dentro. Signore aiutaci ad abbandonarci alla tua provvidenza.

19  FEBBRAIO 2017   VII^  DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

PREGHIERA

 Bisogna fare la guerra più consistente
che è la guerra contro noi stessi.
È necessario giungere a disarmarci.
Io ho combattuto questa guerra per molti anni.
È stato terribile. Molto terribile.
Ma posso affermare che adesso sono disarmato.
Non ho paura di niente e di nessuno;
l’amore allontana la paura.
Sono disarmato
dal voler avere ragione,
dal giustificarmi
screditando gli altri.
Non mi chiudo nel mio castello
né m’inorgoglisco delle mie ricchezze.
Accolgo e condivido.
Non mi aggrappo assolutamente
alle mie idee e ai miei progetti.
Se mi si presentano
proposte migliori o almeno buone
Le accetto senza alcun impedimento.
Ho rinunciato a fare confronti.
Ciò che è buono, vero, reale,
per me è sempre il meglio.
Per questo non ho paura.
Quando non si possiede nulla
non si ha paura di nulla.
Se uno si disarma,
se smette di possedere,
se si apre al Dio fatto uomo
che fa nuove tutte le cose,
allora Egli fa sparire
il passato negativo
e ci apre il panorama
di un tempo nuovo
in cui tutto è possibile.

12  FEBBRAIO 2017   VI^  DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

MARIA MODELLO DI OGNI VIRTU’

Santa Maria, Madre di Dio,
conservami un cuore di fanciullo
puro e trasparente come l’acqua di sorgente.
Ottienimi un cuore semplice
che non si ripieghi
ad assaporare le proprie tristezze,
un cuore magnanimo nel donarsi,
facile alla compassione;
un cuore fedele e generoso,
che non dimentichi alcun bene
e non serbi rancore per nessun male.
Fammi un cuore umile
che ami senza esigere di essere riamato,
felice di scomparire in altri cuori
sacrificandosi davanti al tuo figlio divino.
Un cuore grande e indomabile
che nessuna ingratitudine possa chiudere
e nessuna indifferenza possa stancare.
Un cuore tormentato
dalla passione della gloria di Gesù Cristo,
ferito dal suo amore,
e la cui ferita non guarisca che in cielo.
(L. de Grandmaison)

5  FEBBRAIO 2017   V^  DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

PREGHIERA

Se la nota dicesse: non è una nota che fa la musica …non ci sarebbero le sinfonie.
Se la parola dicesse: non è una parola che può fare una pagina …non ci sarebbero i libri.
Se la pietra dicesse: non è una pietra che può alzare un muro …non ci sarebbero case.
Se la goccia d’acqua dicesse: non è una goccia d’acqua che può fare un fiume …non ci sarebbe l’oceano.
Se il chicco di grano dicesse: non è un chicco di grano che può seminare un campo …non ci sarebbe la messe.
Se l’uomo dicesse: non è un gesto d’amore che può salvare l’umanità …non ci sarebbero mai né giustizia né pace, né dignità né felicità, né Luce, Sale, senso sulla terra degli uomini.
Tutti: Come la sinfonia ha bisogno di ogni nota, come il libro ha bisogno di ogni parola, come la casa ha bisogno di ogni pietra, come l’oceano ha bisogno di ogni goccia d’acqua, come la messe ha bisogno di ogni chicco, l’umanità intera ha bisogno di te, qui dove sei, unico, Sale e Luce, e perciò insostituibile.       

29 GENNAIO 2017 IV^  DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

PREGHIERA

Ascoltiamo ciò che Cristo attende da noi:
Beati sono i poveri nel cuore perché di essi è il regno dei cieli.
Questa è la strada della vita, è la strada della pace.
Beati sono gli afflitti perché saranno consolati.
Questa è la speranza che fa sorridere davanti ad ogni prova:
chi patisce per il Signore, gioirà certamente nel Signore.
ti sono i miti perché erediteranno la terra.
Questa è la forza che vince l’odio del mondo.
I violenti periranno, gli umili regneranno con Dio in eterno.
Beati sono i misericordiosi perché troveranno misericordia.
Questa è la via della salvezza:
perdoniamo i fratelli e saremo perdonati da Dio.
Beati sono i puri di cuore perché vedranno Dio.
Questa è la luce per vedere il volto di Dio.
Se il nostro cuore è limpido, tutto sarà luminoso nella nostra vita.
Beati sono i perseguitati  per causa della giustizia,
perché di essi è il regno dei cieli.
Esultiamo quando soffriamo, facciamo festa quando portiamo la croce:
perché grande sarà la nostra ricompensa nel Cielo.

 22 GENNAIO 2017 III^  DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

PREGHIERA

Mi provo ogni giorno, Signore,
a cambiare modo di pensare e di agire.
Compio un passo in avanti e poi,
per un nulla, torno indietro.
Faccio brutta figura con te
e covo tanta rabbia con me stesso.

Non ho ancora capito
che la conversione è un cammino lungo.
Devo perciò vestirmi di tanta umiltà
ed ogni giorno ricominciare da capo,
armato di tanta buona volontà.

Io so che apprezzi
non tanto il risultato
quanto lo sforzo che compio.
Dopo tutto,
cambiare non è facile
ed anche i santi
hanno sempre avuto la convinzione
di essere bisognosi di conversione.
Amen     

15 GENNAIO 2017 II^  DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

PREGHIERA

Voglio anch’io, Signore,
giungere sulla vetta del mio cammino
come ha fatto l’apostolo Giovanni
e poter dire con verità
di avere reso testimonianza
che Tu sei il figlio di Dio.
Se questo avverrà,
il cuore esploderà di gioia
e la morte non mi farà paura.
Dal  momento che
ti ho riconosciuto davanti agli uomini
Tu mi riconoscerai davanti al Padre
e io potrò davvero sedere
accanto a Te nella gloria eterna
appagando così per sempre il desiderio
più profondo del mio cuore umano.
Amen

8 GENNAIO 2017 BATTESIMO  DI GESU’

PREGHIERA

Signore Gesù, ti fai battezzare
non perché tu abbia bisogno di conversione,
né per farti rimettere i peccati,
ma per essere solidale con gli uomini.
Ti sei fatto uomo fino in fondo,
perché ogni uomo diventasse figlio di Dio.
Oggi ci inviti a riscoprire la nostra identità,
a riappropriarci della nostra dignità.
Grazie, perché nella fede della Chiesa e dei genitori
siamo stati battezzati in acqua e Spirito Santo.
Ci hai donato la tua vita,
un cuore nuovo,
un abbraccio di Padre,
una grande famiglia che è la Chiesa.
Aiutaci, Signore, a mantenere sempre limpida
la nostra veste battesimale,
perché anche noi siamo tuoi figli.

25   DICEMBRE   2016  –  NATALE  DEL  SIGNORE

PERCHE’ SONO NATO, DICE DIO
Sono nato nudo, dice Dio, perchè tu sappia spogliarti di te stesso.
Sono nato povero perchè tu possa considerarmi l’unica ricchezza.
Sono nato in una stalla perchè tu impari a santificare ogni ambiente.
Sono nato debole, dice Dio
perchè tu non abbia mai paura di me.
Sono nato per amore perchè tu non dubiti mai del mio amore.
Sono nato di notte perchè tu creda che posso illuminare qualsiasi realtà.
Sono nato persona, dice Dio
perchè tu non abbia mai a vergognarti di essere te stesso.
Sono nato uomo perchè tu possa essere “dio”.
Sono nato perseguitato
perchè tu sappia accettare le difficoltà.
Sono nato nella semplicità
perchè tu smetta di essere complicato.
Sono nato nella tua vita, dice Dio
per portare tutti alla casa del Padre.
(Lambert Nolen)

18   DICEMBRE   2016  –  IV^ DOMENICA DI AVVENTO

Perchè Tu ci hai fatti per te, e il nostro cuore non ha pace finchè non riposa in te!” (Sant’Agostino)
Una sorta di frenesia ci travolge nell’immnenza del Natale. Sempre in ritardo sui tempi previsti, ci lasciamo travolgere dagli affanni del periodo, mandando all’aria i buoni propositi fatti in “tempo non sospetto”.
E se per una volta, invece di preparare il Natale ci preparassimo al Natale?
Sostassimo DENTRO il Natale, per stupirci davanti a quell’ Evento che dà significato alla festa?
Chissà, magari potremmo,
 Alla fine , ritrovare anche noi stessi…

Signore il Natale è ormai vicino,
e Tu mi inviti a viverlo insieme a Giuseppe imparando da Lui ad avere una fede forte e coraggiosa, capace di ascolto e obbedienza, capace di custodia!
Signore facci vivere il Natale con il cuore e lo stile di San Giuseppe per lasciare le strade affollate e rumorose, le frenesie degli acquisti natalizi, per fare un pò di silenzio.
Per sedermi e ascoltare e così essere capace di avere un amore più umano che sa comprendere, consolare, custodire, accogliere!

11   DICEMBRE   2016  –  III^ DOMENICA DI AVVENTO

E’ comprensibile, Gesù, la domanda
che Giovanni ti formula
attraverso i suoi discepoli.
In effetti tu non coincidi
con la sua immagine di Messia:
annunci un anno di grazia,
offri misericordia e perdono
e poi entri nelle case dei peccatori,
ti fermi a mangiare con loro.
A questo punto è necessario
mettere in chiaro una volta per tutte
se sei veramente l’atteso
o se bisogna attenderne un altro.
Tu non fai dichiarazioni altisonanti
sulla tua identità di Figlio di Dio,
ma inviti a guardarsi attorno
a decifrare i segnali inequivocabili
di un mondo nuovo che già si intravvede.
Quanto accade, in effetti,
non può passare inosservato:
c’è un annuncio di gioia
che raggiunge i poveri,
cambiamenti imprevisti che trasformano
l’esistenza di persone
strappate al loro destino
di stenti e umiliazioni,
di sofferenze e disagi.
Non è solo un’illusione collettiva,
e neppure un sogno impossibile:
chi si affida a te, Gesù,
chi ti accoglie così come sei,
senza scandalizzarsi del tuo amore smisurato,
conosce una vita radicalmente nuova.
(ROBERTO LAURITA)

4   DICEMBRE   2016  –  II^ DOMENICA DI AVVENTO

STRAORDINARIO NELL’ORDINARIO
Basta un fiore per rallegrare il deserto.
Tu non mi chiedi cose straordinarie:
basta un fiocco di neve per fare nascere un fiume!
Basta una goccia d’acqua per forare una pietra .
Basta una stella per illuminare il cieli.
Basta un fiore per rallegrare il deserto.
Basta un sorriso per dar vita all’amicizia.
Basta un si per consegnarti alla persona amata.
Basta una lacrima per cancellare una montagna di peccati.
Basta uno spicciolo per fare grande un tesoro .
Tu sei un Dio straordinario, perché giudichi grande e meraviglioso ciò che é piccolo e ordinario, perché misuri non col metro e la bilancia, ma solo sempre in base al silenzioso battito del cuore.
AIUTAMI, Signore, ogni giorno a donarti sempre il meglio di me , anche se è poco, dal momento che non mi chiedi di fare cose straordinarie, ma soltanto che faccia cose ordinarie con cuore straordinario.

27   NOVEMBRE   2016  –  I^ DOMENICA DI AVVENTO

Si, è grande il rischio che corriamo:
impegnati in mille occupazioni,
afferrati a mille interessi,
ingoiati dalla corrente che ci trascina
in un gorgo vorticoso di attività,
noi possiamo essere presi alla sprovvista
e trovarci impreparati al tuo ritorno, Gesù.
Ecco perché ci chiedi
di tenere accese le nostre lampade,
vigilanti e pronti i  nostri cuori.
E’ vero: non conosciamo l’ora
in cui tutto giungerà a compimento
e proprio per questo non possiamo
lasciarci vincere dal sonno.
E’ vero non possiamo smarrirci e perdere la direzione,
trovarci in balìa di guide cieche,
ignorare segni che dissemini sul nostro sentiero.
Donaci, dunque la tua luce,
una fede sicura ed una speranza certa.
(ROBERTO LAURITA)

 20  NOVEMBRE   2016  –  SOLENNITA’ DI CRISTO RE DELL’UNIVERSO

Sulla croce accanto a te, Signore, c’è un ladrone. Egli sente la tua parola: rimane profondamente colpito. Non ha mai sentito parole così buone! Forse lacrime di dolore sgorgano dai suoi occhi e nel suo cuore si domanda: Perché hanno crocifisso quest’uomo così mite e così buono? Vorrebbe inginocchiarsi, ma non può; vorrebbe buttarsi ai suoi piedi, ma è inchiodato alla croce come te. Allora grida: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno!» (Lc 23,42).
Tu, Signore, apri gli occhi, apri il tuo cuore, le braccia sono già aperte sulla croce… e rispondi: «In verità ti dico, oggi sarai con me nel paradiso!» (Lc 23,43).
Signore, a noi hai dato questa lezione, ma noi non l’abbiamo capita.
A noi hai detto: Perdonate!, ma noi non ti abbiamo creduto.
A noi hai detto: con la stessa misura con cui voi misurate il prossimo, sarà misurato a voi in cambio.
Abbi pietà di noi!
Rendici misericordiosi, insegnaci a perdonare,
donaci il tuo cuore, il tuo Spirito, la tua Carità. Amen.

13 NOVEMBRE   2016  –  XXXIII^ DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Nel Vangelo di oggi, Signore,  ci metti in guardia da coloro che falsamente ci avvicinano nel Tuo nome.
Aiutaci a  far fruttare il nostro silenzio trasformandolo in preghiera per essere capaci di riconoscerTi  tra gli inganni del nostro tempo.
Signore, Tu ci inviti a non avere paura di testimoniare la nostra fiducia in Te anche se verremo giudicati ingiustamente.
Aiutaci a far fruttare la nostra fede trasformandola in servizio concreto verso gli altri.
Signore, tu ci incoraggi ad essere  costanti nella preghiera,  nel servizio, nella testimonianza nell’amore.
Aiutaci a far tesoro dei tuoi insegnamenti affinchè il nostro impegno porti frutti concreti di pace nel mondo.

 06 NOVEMBRE   2016  –  XXXII^ DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Con la morte la vita non finisce, ma entra nella sua pienezza.
Questa certezza sta  alla base di questo dialogo tra Gesù e alcuni sadducei.
Dio ha creato l’uomo per l’immortalità, l’ha creato a immagine della propria natura.
Con questa consapevolezza siamo invitati a vivere la nostra vita, incontrando Dio già ora nella nostra anima.
Un incontro tra noi e Dio, tra la nostra interiorità e l’intimità divina.
Questo legame che si crea ci trasforma, ci rende migliori e capaci di “nuove sfide di bene e carità”.
Con la morte la vita non si distrugge ma si trasforma.
Cerchiamo allora di vivere la nostra vita come opportunità, beatitudine, sogno, ricchezza, mistero, promessa, inno, gioia….. 
In questo modo aumenteremo in noi la portata dell’amore per essere pronti all’incontro “faccia a faccia” con Dio.

30   OTTOBRE   2016  –  XXXI^ DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Signore, tu che sei accanto a noi nei momenti bui, ma anche in quelli di gioia e spensieratezza.
Fa che possiamo sempre trovare sulla nostra via un Sicomòro dal quale riuscire a scorgerti pur nella nostra piccolezza.
Signore tu che sai riconoscere la bontà del cuore di Zaccheo da tutti ritenuto peccatore.
Alza gli occhi verso di noi perché possiamo correrTi  incontro con gioia e convertirci.
Signore, tu che scegli di dimorare a casa di Zaccheo e lo incoraggi a cambiare.
Vieni a stare con noi, perché possiamo davvero salvarci ed imparare a stare accanto agli altri come Tu ci insegni.

 23   OTTOBRE   2016  –  XXX^ DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

PREGHIERA PER OTTENERE L’UMILTA’

Gesù, tu hai detto:
Imparate da me che sono mite e umile di cuore e troverete riposo alle anime vostre».
Sì, Signore mio e Dio mio, l’anima mia riposa nel vederti rivestito della forma e della natura di schiavo, abbassarti fino a lavare i piedi dei tuoi apostoli.
Ricordo ancora le tue parole: «Vi ho dato l’esempio, perché anche voi facciate come ho fatto io.
Il discepolo non è più del Maestro… Se voi comprendete ciò, sarete beati mettendolo in pratica».
Le comprendo, Signore, queste parole uscite dal tuo cuore mansueto e umile. Le voglio mettere in pratica con l’aiuto della tua grazia…
Tu però, o Signore, conosci la mia debolezza: ogni mattino prendo l’impegno di praticare l’umiltà e alla sera riconosco che ho commesso ancora ripetuti atti di orgoglio.
A tale vista sono tentata di scoraggiamento, ma capisco che anche lo scoraggiamento è effetto di orgoglio.
Voglio, mio Dio, fondare la mia speranza soltanto su di te.
Poiché tutto puoi, fa’ nascere nel mio cuore la virtù che desidero.
Per ottenere questa grazia dalla infinita tua misericordia ti ripeterò spesso: «Gesù, mite e umile di cuore, rendi il mio cuore simile al tuo».

 Teresa di Lisieux


16   OTTOBRE   2016  –  XXIX^ DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

RIFLESSIONI  SUL  VANGELO  DELLA DOMENICA
Credo che la preghiera non è tutto, ma che tutto deve cominciare dalla preghiera: perché l’intelligenza umana è troppo corta,  la volontà dell’uomo è troppo debole; perché l’uomo che agisce senza Dio non dà mai il meglio di sé stesso.
Credo che Gesù Cristo, dandoci il “ Padre nostro” ci ha voluto insegnare che la preghiera è amore.
Credo che la preghiera non ha bisogno di parole, perché l’amore non ha bisogno di parole.
Credo che si può pregare tacendo, soffrendo, lavorando, ma il silenzio è preghiera solo se si ama, la sofferenza è preghiera solo se si ama, il lavoro è preghiera solo se si ama.
Credo che non sapremo mai con esattezza se la nostra è preghiera o non lo è, ma esiste un test infallibile della preghiera: se cresciamo nell’ amore, se cresciamo nel distacco dal male, se cresciamo nella fedeltà alla volontà di Dio.
Credo che impara a pregare solo chi impara a tacere davanti a Dio.
Credo che impara a pregare solo chi impara a resistere al silenzio di Dio.
Credo che tutti i giorni dobbiamo chiedere al Signore il dono della preghiera, perché chi impara a pregare impara a vivere.

(Padre Andrea Gasparino)

09   OTTOBRE   2016  –  XXVIII^ DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

RIFLESSIONI  SUL  VANGELO  DELLA DOMENICA
(Padre Andrea Gasparino)

Quando ringraziamo siamo sempre proiettati in qualche modo nella bontà di Dio.
E%